Call me by your name avrà un seguito, ecco il titolo

I dettagli del sequel del romanzo di André Aciman “Call Me By Your Name” (Chiamami col tuo nome) sono stati rivelati, riunendo i lettori con Elio e la sua famiglia. Il primo romanzo di Aciman, “Call Me By Your Name”, è stato pubblicato per la prima volta nel 2007 e ha conquistato una nuova ondata di seguaci dopo essere stato adattato al grande schermo nel 2017 dal regista Luca Guadagnino e interpretato da Timothée Chalamet e Armie Hammer nei panni di Elio e Oliver.

Call me by your name avrà un seguito, ecco il titolo

Il film tratta la maggior parte del romanzo, tralasciando la parte finale ambientata quindici anni dopo, che vede Elio e Oliver riunirsi negli Stati Uniti, e un’ultima volta in cui Oliver visita la casa di famiglia di Elio in Italia. A dicembre, Aciman ha annunciato di star lavorando a un sequel del romanzo. Quel sequel è ora pronto per essere pubblicato entro la fine dell’anno e il titolo, assieme ai dettagli della trama, è stato rivelato. Si intitolerà Find Me.

La trama è ambientata decenni dopo il primo incontro tra Oliver ed Elio, con Samuel (il padre di Elio) che viaggia da Firenze a Roma per visitare suo figlio, che ora è un talentuoso pianista. Ma i suoi piani prendono una svolta dopo “un incontro casuale sul treno con una bellissima giovane donna” che cambierà la sua vita. Nel frattempo, Elio si trasferisce a Parigi, mentre Oliver, ora professore con una famiglia, “si ritrova a contemplare un viaggio di ritorno attraverso l’Atlantico”. A giudicare da questi spezzoni, sembra che Find Me sia ambientato tra i due salti temporali alla fine di Call Me By Your Name, e molto probabilmente risponderà ad alcune domande che fino ad ora non avevano mai avuto risposta.

Call me by your name avrà un seguito, ecco il titolo

Aciman ha detto a EW che Elio e Oliver sono stati con lui da quando ha scritto il romanzo e non se ne sono mai andati, aggiungendo come questi personaggi e l’amore che hanno condiviso abbiano influenzato in modo indelebile la sua vita: “Elio e Oliver sono stati con me da quando hanno visitato le mie pagine e non se ne sono mai andati. Mi sono innamorato di loro, mi sono innamorato del loro amore e non ho mai smesso di pensarli. Non ho mai imparato così tanto né sono mai stato così toccato dall’amore giovane fino a quando mi sono svegliato una mattina e ho iniziato a scrivere le parole, “Più tardi” “.

Luca Guadagnino ha già parlato della sua idea per il sequel, ambientata nel 1989 (sei anni dopo gli eventi del primo film) per esplorare l’impatto della caduta del muro di Berlino e la crisi dell’AIDS. Con il romanzo sequel che si svolge decenni dopo il primo, l’idea di Guadagnino è in parte da escludere, anche se non completamente, poiché potrebbe ancora esplorare temi come la crisi dell’AIDS e altri problemi sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.