Chi sono gli attori più famosi colpiti dalla crisi economica

La crisi economica non risparmia nessuno in questo periodo né tantomeno gli attori famosi, scopriamo insieme chi sono quelli che ne sono stati più colpiti anche a causa dei loro eccessi.

Una delle notizie che ha fatto più scalpore è stato l’annuncio dato qualche mese fa dall’attore e regista di Hollywood Robert De Niro. Pare infatti che l’attore sia al verde e privo di liquidità dopo che le sue catene di ristoranti, sono chiuse e parzialmente chiuse, a queste si sono aggiunte una causa legale dell’ex moglie.

Chi sono gli attori più famosi colpiti dalla crisi economica

Un altro attore colpito dalla crisi economica è Nicolas Cage, nonostante sia stato uno degli attori più ricchi di Hollywood e abbia vinto un premio Oscar con il film “Via da Las Vegas” del 1996, l’attore ha contratto un debito di circa 95 milioni di dollari che lo ha costretto a vivere in affitto. Tra le spese folli che lo hanno portato a contrarre questo debito pare ci sarebbero l’acquisto di uno squalo e due isole delle Bahamas.

Anche l’attore Brendan Fraser noto a tutti per essere stato il protagonista de “La Mummia” nel 1999 ha perso tutto il suo patrimonio ed è andato in crisi economica a causa del divorzio avvenuto nel 2008 con l’ex moglie Afton Smith. Pare infatti che la fine del matrimonio gli sia costato 900 mila dollari l’anno.

Tra gli attori più famosi colpiti dalla crisi economica non potevamo non citare anche Johnny Depp. L’attore da quanto si apprende dai giornali americani nel corso degli anni ha speso più di due milioni di dollari al mese. Tra le tante spese folli pare abbia acquistato una casa discografica che però è fallita, uno yatch da 20 milioni. Johnny Depp ha inoltre dichiarato che paga il suo staff formato da circa 40 persone 300 mila dollari l’anno.
Ed infine anche l’attore e rapper americano Kanye West ha rivelato di avere un enorme cifra di debiti da pagare. La notizia arrivata tramite i social network però non ha del tutto convinto i fan e chi segue il cantante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *