Dirty John, la vera storia di un amore tossico

Dirty John è una serie true crime statunitense scritta e ideata da Alexandra Cunningham. Tratto da un podcast di Christopher Goffard per il Los Angeles Times, racconta la vera storia di una donna che si innamora di un uomo che è ben diverso da come appare. Con protagonisti Connie Britton, Eric Bana, Juno Temple e Julie Garner, la prima stagione è composta da 8 episodi, disponibili su Netflix.

Dirty John, la vera storia di un amore tossico

L’interior designer Debra vuole superare i suoi quattro matrimoni falliti e decide di provare il dating online. Dopo una serie di appuntamenti poco appaganti incontra John, un affascinante anestesista reduce dell’Iraq. Tra i due scocca subito una scintilla e lui sembra sapere da subito come conquistare il cuore di Debra. Le figlie di lei però, Veronica e Terra, non sembrano convinte dal nuovo pretendente della madre. Lo scenario è Newport Beach, la bella città californiana dove spopolano gli yatch club e i vestiti firmati.

Si capisce fin da subito che questa storia d’amore apparentemente perfetta nasconde un lato oscuro. Il John elegante e premuroso che vediamo a volte mostra le crepe della sua maschera perfetta, con atti di rabbia e misteri che si infittiscono. Ci sarà in fondo un motivo per cui i suoi amici gli hanno affibbiato il nomignolo Dirty John. Col passare del tempo Debra scoprirà che il paradiso che credeva di aver trovato è in realtà un vero e proprio inferno, venendo a conoscenza col carattere collerico e geloso dell’uomo e più di tutto cominciando a unire i pezzi di puzzle del suo passato allarmante, rivelandone poco alla volta la vera identità.

Dirty John, la vera storia di un amore tossico

Nella frustrante spirale tragica che è Dirty John, ogni minimo segnale sospetto vissuto dall’interno dai personaggi, suona come un campanello d’allarme agli spettatori che vedono tutto dall’esterno. Dirty John è una serie che può fungere da avvertimento per le relazioni tossiche: bisogna sempre prestare attenzione i segnali, farsi aiutare o ascoltare i consigli dei propri cari e all’occorrenza scappare a gambe levate, prima di vivere l’incubo che ha vissuto la povera Debra, sia nella vita vera che nella messa in scena televisiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *