Gli attori che hanno rinunciato a film importanti

Non sempre gli attori quando gli arriva la richiesta di partecipare ad un film accettano. Molti attori hanno rinunciato a delle pellicole che avrebbero cambiato loro la carriera! Sul perché rifiutano i motivi sono tanti, magari non credevano abbastanza nella pellicola a loro proposta o semplicemente non gli piaceva interpretare quel ruolo. Siamo riusciti a scoprire quali sono gli attori che si sono fatti sfuggire la grande occasione di partecipare a film importanti!

La prima grande star che ha rifiutato ben due ruoli come protagonista è stata Julia Roberts. La prima pellicola da lei rifiutata è stata “The Blind Side” il ruolo venne affidato successivamente a Sandra Bullock. E il secondo film importante da lei scartato è stato Insonnia d’amore, la commedia con Tom Hanks.

Continuiamo con Will Smith. L’attore ha anche lui declinato ben due film che poi sono entrati nella storia del cinema. Il primo fu il ruolo di Neo in Matrix e il secondo quello di Django di Quentin Tarantino.

Gli attori che hanno rinunciato a film importanti
Vi ricordate Kate Holmes, diventata famosa per Joey Potter una delle protagoniste di Dawson’s Creek e poi ex moglie di Tom Cruise. Ecco proprio Kate Holmes doveva interpretare Piper nella serie Orange is the New Black, l’attrice ha declinato il ruolo.

Visto che abbiamo parlato di Kate Holmes non potevamo parlare di Tom Cruise. Ecco all’attore era stato proposto di interpretare il ruolo di Iron Man. Ma Tom Cruise non ha accettato, nonostante il rifiuto di diventare Iron Man ha vinto tre Golden Globe e tre nomination all’Oscar.

Gli attori che hanno rinunciato a film importanti

Vi ricordate il film “Il Gladiatore”, ad interpretare la parte del Gladiatore doveva essere Mel Gibson, ma lui rifiutò e la parte venne affidata a Russel Crowe.

Anche John Travolta ha rifiutato di partecipare ad un film importanti, il film a cui ha rinunciato è Forrest Gump. John Travolta era stato scelto come attore protagonista, ma ha rifiutato la parte poiché la riteneva troppo complessa da interpretare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *