X-Men: Dark Phoenix, recensione del film

È arrivato nelle sale il dodicesimo film della saga FOX dedicata all’infinito universo degli X-Men. Film diretto da Simon Kinberg – che aveva già lavorato come produttore e sceneggiatore per altri film della saga -, X-Men: Dark Phoenix si concentra sul personaggio di Jean Grey. La storia di X-Men: Dark Phoenix riparte da dove era rimasta, con i mutanti – ormai integrati nella società – guidati dal Professor X (James McAvoy) dopo lo scontro con Apocalisse. Il sogno di Charles Xavier si è avverato e i Mutanti e gli Umani convivono in armonia.

X-Men: Dark Phoenix, recensione del film

Nel cast ritroviamo il team storico capitanato da Mystica (Jennifer Lawrence) e Bestia (Nicholas Hoult), insieme a tutti gli altri personaggi conosciuti nei film precedenti come Quicksilver (Evan Peters), Ciclope (Tye Sheridan), Nightcrawler (Kodi Smit-McPhee), Tempesta (Alexandra Shipp) e – ovviamente – Jean Grey / Fenice (Sophie Turner).

La storia si evolve alternando momenti lenti ad altri veloci, che richiedono allo spettatore una buona dose di attenzione durante lo svolgersi della trama. Una differenza che appare molto chiaramente rispetto alla concorrenza della Marvel è il tono decisamente solido del film. Niente battutine, né siparietti comici per dar fiato alla tensione. Questa è una storia d’azione dai toni seri ben lontana dai momenti leggeri e divertenti a cui i recenti cinecomic ci avevano abituati. È una storia forte, con temi seri e molto umani, dove non c’è spazio per risatine, ma solo per grandi colpi di scena.

X-Men: Dark Phoenix, recensione del film

Il super-villain di Dark Phoenix è un po’ debole, il suo percorso non sorprende e anzi tende a confondere gli spettatori. Alcuni personaggi hanno molto più spazio sullo schermo rispetto ad altri, il che dispiace soprattutto per quegli eroi dall’importanza storia elevata, che non hanno fisicamente tempo per grandi azioni on-screen. Una pecca è forse la mancanza di un leader forte e trascinante come lo è stato Wolverine dei primi film.

X-Men: Dark Phoenix, recensione del film

X-Men: Dark Phoenix non è forse il miglior capitolo della saga, ma ha offre una visione diversa dal solito e vale comunque la pena di andare a vederlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.